Arte e cultura online in Maremma

, ,

Di Archeologia, Maremma, Internet e altre amenità…. ovvero Arte e Cultura online in Maremma.

Questo il titolo dell’analisi presentata da Giuseppe Alessandro Fichera nella prestigiosa sede di Buy Maremma Online.

Grande successo registrato dalla convention organizzata da Officina Turistica, svoltasi il 10 e 11 Marzo 2015 a Grosseto.

Turismo, agro alimentare, arte e cultura in Maremma sono stati passati sotto il microscopio da parte dei più grandi nomi del panorama turistico italiano. Basta guardare il programma per rendersi conto di quanto detto.

 

Archeologia, Maremma, Internet e nuovi strumenti di comunicazione, Musei e Arte in generale. Questi i principali temi presentati da Alessandro Fichera alla vasta platea della convention, a seguito di un’accurata analisi che si è concentrata sulla presenza e sul comportamento online di Musei e Parchi Archeologici maremmani.

I principali canali di comunicazione web censiti

I principali canali di comunicazione web censiti

 

L’analisi  ha portato alla luce un dato piuttosto preoccupante. Una bassissima percentuale dei nostri Musei e Aree Archeologiche si presenta in rete in maniera corretta e sfrutta appieno le potenzialità offerte dal web. Nessuna critica alle Istituzioni. L’analisi cercava piuttosto di mettere a fuoco i punti di debolezza ma, allo stesso tempo, di individuare i possibili margini di miglioramento, al fine di offrire una miglior presentazione al nostro eccezionale Patrimonio storico-artistico.

Ottimistici anche i dati che risultano dalle statistiche delle presenze turistiche della passata stagione. Il numero totale di presenze in Maremma è in aumento, ma soprattutto è in aumento  il numero di persone interessate al settore “artistico”.
Un pubblico c’è dunque. Perché non coinvolgerlo e affascinarlo di più grazie alle possibilità offerte dai “nuovi” strumenti di comunicazione online?

Non mancano gli esempi che offrono spunti e buone pratiche da seguire o a cui ispirarsi.

Quale differenza c’è in questo senso  tra i vecchi cantastorie e gli odierni storytellers?

 

Storytellers o cantastorie?

Storytellers o cantastorie?

 

Dai Omero a Mimmo Cuticchio, padre del celebre Teatro dei Pupi siciliano, a Roberto Ferretti, narratore e disegnatore del patrimonio storico e tradizionale della Maremma.

Il pubblico ha sempre più voglia e curiosità di scoprire cosa si nasconde nelle sale di un Museo o tra le vestigia di un’area archeologica. Basta imparare a raccontarle…

 

A seguire è stato presentato il libro Archeostorie. Manuale non convenzionale di Archeologia vissuta, opera corale di una nuova generazione di archeologi che continuano a credere nella professione che svolgono, e lo dimostra la fantasia e la genialità delle mille sfaccettature della loro vita quotidiana, che il libro racconta con leggerezza e maestria.

La copertina del libro Archeostorie

La copertina del libro Archeostorie

 

 

Competenze

, , ,

Postato il

12 Marzo 2015

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *