I nostri itinerari di Natura in Maremma

Una Maremma tutta da scoprire in compagnia di Guide Ambientali Escursioniste, Biologi e Archeologi professionisti profondi conoscitori del territorio maremmano…

 

Itinerario I

Parco Geotermico delle Biancane e Monterotondo Marittimo (GR)

Nel cuore delle nostre Colline Metallifere, la mattina sarà dedicata ad un intrigante trekking, sospeso nello scenario dantesco del Parco Geotermico delle Biancane, luogo in cui l’uomo cerca di catturare i lunghi respiri della Terra e dove i quattro elementi sembrano custodire silenziosi le pietre del borgo medievale di Monterotondo Marittimo. Tra rocce dal colore improbabile e colonne di fumo che sbuffano dal sottosuolo capiremo come l’uomo nel corso dei secoli è riuscito a comprendere ed a sfruttare la natura selvaggia e aspra di questo territorio.

Il paesaggio incantato del Parco Naturale delle Biancane

Il paesaggio incantato del Parco Naturale delle Biancane

 

Itinerario II

La Diaccia Botrona e le aree umide costiere

Un itinerario per scoprire la bellezza e la ricchezza ambientale delle aree umide costiere che caratterizzano il nostro territorio attraverso la visita della Diaccia Botrona, in prossimità della rinomata cittadina balneare di Castiglione della Pescaia. La Diaccia Botrona è un’area umida protetta, istituita nel 1996 e classificata dal 1971 “Zona umida di importanza internazionale”. Rientra inoltre nel Sito di Interesse Comunitario n° 111 e nella Zona a  Protezione Speciale 111B individuata come “area a grandissima importanza per la sosta, lo svernamento e la nidificazione dell’avifauna acquatica”. Cuore simbolico e iconografico dell’area naturale è la Casa Rossa Ximenes, una struttura progettata e costruita dall’ingegnere Leonardo Ximenes nel 1765-68, sotto Pietro Leopoldo di Lorena, nel quadro di un progetto sistematico di bonifica della Maremma.

Al suo interno oggi è possibile usufruire, con l’assistenza di personale specializzato, di un importante museo multimediale attraverso il quale è possibile l’osservazione di flora e fauna presente nella riserva naturale.

La Casa Rossa Ximenes e la Diaccia Botrona

La Casa Rossa Ximenes e la Diaccia Botrona

 

Itinerario III

Signori e principi di Maremma: l’area dei tufi dagli Etruschi agli Aldobrandeschi

Un’escursione tra i segreti della geologia, della natura e della storia dei borghi di Sovana e Pitigliano, attraversando le antiche Vie Sacre, interamente scavate nel tufo, che al tempo degli Etruschi univano le città dei vivi con le città dei morti. Un lungo racconto che ci porterà a conoscere l’affascinante territorio dei Tufi, colonizzato in antico dai principi etruschi e sede nel Medioevo della residenza della più potente casata aristocratica della Maremma: gli Aldobrandeschi.

La splendida cornice del borgo di Pitigliano

La splendida cornice del borgo di Pitigliano

 

Itinerario IV

Giglio, la capra minore dei Greci

L’isola del Giglio ha conosciuto molti nomi: gli antichi greci chiamavano Aegilion mikros, “capra minore”, poi Igilium per i latini, Djanum nel Medioevo ed infine oggi Giglio.  Nomi diversi per un lembo di terra di bellezza unica, piccola isola al confine tra mare, cielo e roccia, dove la Storia non è meno affascinante della Leggenda. Sul duro granito del Giglio è passato il cammino degli artigiani etruschi, interessati forse alle miniere di ferro e rame della Punta di Mezzo Franco; anche qui ha brillato la ricchezza della nobile famiglia romana dei Domitii Enobarbi, commercianti e prestatori di denaro, che a Giglio Porto, come a Giannutri e a Porto Santo Stefano, costruirono una sontuosa villa marittima. Da qui è passata la più potente famiglia del Medioevo maremmano, gli Aldobrandeschi, e ancora le navi della Repubblica di Pisa, le truppe spagnole di Alfonso d’Aragona; qui hanno imperversato per secoli le imbarcazioni dei pirati e le incursioni corsare. Infinite e affascinanti storie da scoprire passeggiando nel borgo di Giglio castello, tra gli stretti vicoli e i sensazionali affacci panoramici , o lungo un sentiero che ci porta sul crinale, in mezzo a una macchia di colorato cisto, di polverosa erica, di odoroso mirto, incrociando un vigneto a terrazze e finalmente raggiungendo un’osteria per godere del calore di un buon bicchiere di Ansonaco.

Possibilità di escursioni da concordare a seconda della durata e della difficoltà richieste.

Il famoso granito dell'isola del Giglio

Il famoso granito dell’isola del Giglio

 

Itinerario IV

Giannutri, l’antica Artemisia

L’Isola di Giannutri, è l’antica Artemisia per la sua forma a semiluna. La più meridionale delle isole dell’Arcipelago, Giannutri è una tra le quali più facilmente possiamo lasciarci incantare e stupire da una natura quasi intatta, fatta di luci, suoni, colori e profumi. Un viaggio sensoriale a tutto tondo, un’occasione di straordinaria intensità e bellezza.

Possibilità di escursioni da concordare a seconda della durata e della difficoltà richieste.

I ruderi della villa romana dell'Isola di Giannutri

I ruderi della villa romana dell’Isola di Giannutri

 

Itinerario V

Sul Monte Labro, sulle tracce del Profeta dell’Amiata 

La salita al Monte Labro è un’esperienza che parla con forza al cuore ed alle anime. Diverso per geologia e paesaggio dal resto dell’Amiata, con la sua roccia bianca e glabra riporta i pensieri dritto all’essenza delle cose. Quando lo sguardo si rialza acquista un respiro infinito su un panorama mozzafiato. Un cammino metaforico dalla fatica della salita alla pienezza della visione, che ha portato su questa vetta uno dei  più grandi mistici e visionari ottocenteschi, David Lazzeretti, che qui ha realizzato il suo anacronistico sogno di cristianesimo e stato.

Il paesaggio incantato del Monte Labro

Il paesaggio incantato del Monte Labro

Itinerario VI

Sul tetto della Maremma: le Cornate e Gerfalco 

Nel magico scenario della Riserva Naturale delle Cornate e Fosini, partiremo dal borgo di Gerfalco (GR) per conoscere da vicino la natura aspra e selvaggia di questi rilievi, i più alti delle Colline Metallifere. In primavera inoltrata il nostro trekking tra pareti rocciose e piccoli borghi, sarà reso magico da pendii popolati di orchidee selvatiche, da sempre fiori affascinanti e incantati di cui ripercorreremo la storia e le leggende.

Una delle splendide orchidee che popolano la riserva delle Cornate di Gerfalco

Una delle splendide orchidee che popolano la riserva delle Cornate di Gerfalco

Competenze

, , , ,

Postato il

17 Marzo 2016

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *